Nuovo servizio AntiSPAM per le Pubbliche Amministrazioni

E' diventato una realtà il nuovo servizio "antispam" che permette alle Pubbliche Amministrazioni di proteggersi dalle e-mail indesiderate.

Realizzato dopo una lunga fase di sperimentazione presso il Cnipa per individuare le migliori tecnologie di riconoscimento delle mail indesiderate, il servizio si pone come obiettivo di fornire alle amministrazioni pubbliche uno strumento efficace per proteggersi dallo “spamming” (e-mail, di natura commerciale o pubblicitaria, inviata senza esplicita richiesta del destinatario). Secondo gli Internet Service Provider e le aziende specializzate in servizi AntiSPAM, questo fenomeno rappresenta una cifra compresa tra il 50% e il 95% di tutte le e-mail in arrivo.

Il nuovo servizio, che affiancherà il già attivo antivirus, consentirà di trattare lo “spamming” in modo diversificato consentendo, di fatto, una gestione più snella delle caselle di posta. E' stato presentato a tutte le amministrazioni aderenti alla RUPA mercoledì 28 settembre 2005 presso la sede del Cnipa.

Il servizio, come sancito dal Comitato di gestione del contratto (SCOR-I) non ha oneri per le amministrazioni e consiste in tre principali attività:

a) eliminazione del "mass mailing virus" per tutte le amministrazioni RUPA collegate al CG-I;

b) segnalazione negli header (non visibili se non dalla consultazione della struttura tecnica del messaggio di posta) di uno "score", con due livelli di soglia , che indica con altissima probabilità (superiore al 95%) che il messaggio è SPAM;

c) segnalazione nell’oggetto del messaggio considerato SPAM mediante un prefisso del tipo ***[SPAM]*** o ***[HIGH SPAM]***.

Fonte